Contact
Home Mappa Cerca

RESTAURO ARCHITETTONICO

RESTAURO ARCHITETTONICO

Il progetto di restauro deve tenere fede ai valori storico tipologici riassunti nel complesso di mutazioni subite dal monumento architettonico. Si tratta di fornire realistiche possibilità di "recupero congruo", riconoscendo una gamma di vocazioni al riuso che ciascun edificio possiede nei suoi caratteri e nelle connessioni tra le sue componenti. Il patrimonio della città vecchia non va sempre e comunque riportato ad un'ipotetica configurazione ottimale riferita ad un'epoca precisa, ma deve essere interpretato ed accettato per ciò che storicamente rappresenta nella sua evoluzione.
Il restauro dei beni architettonici include un elenco molto vasto di opere, che hanno carattere di monumentalità, quali gli edifici ecclesiastici (chiese, monasteri, oratori, cappelle, reclusori, edicole), i palazzi residenziali, i complessi rurali tipici dei luoghi, i castelli, ecc.
Il restauro dell’opera, prevede una dettagliata fase di studio, che dovrà essere tanto più approfondita, quanto più importante è l’opera da trattare.
Lo studio preliminare dell’opera inizia con la ricerca storica sulle fonti bibliografiche e d’archivio, con il rilievo fotografico generale e particolareggiato, con il rilievo dell’opera, dei materiali e del degrado, che guideranno alla scelta dell’intervento da seguire. Per una vera e propria diagnosi dei materiali e dello stato di degrado si dovranno eseguire una serie di indagini tecnico-scientifiche che permettano di stabilire con scientificità la natura del materiale e degli strati di deposito.
Nella scelta dell’intervento, l’etica professionale, impone il rispetto di alcuni principi fondamentali, tra cui il minimo intervento, la compatibilità tra fabbrica e tecnologie d’intervento ed un adeguato progetto di manutenzione.


RESTAURO Chiese

RESTAURO Castelli